Il ricevimento

5 idee per preparare il discorso di ringraziamento perfetto

Da Barbara Bassi, il 10/01/19
Barbara Bassi
5 idee per preparare il discorso di ringraziamento perfetto
Unconventional Photography
6 Commenta

Ringraziare i vostri invitati con un discorso coinvolgente sarà un gesto molto apprezzato dai presenti, che lo ricorderanno in futuro. Ma come prepararlo alla perfezione? Ecco i nostri suggerimenti…

In occasione delle nozze, tra le tante frasi d’amore che vi capiterà di dire o scrivere, ce ne sono alcune che dovranno essere rivolte ai vostri ospiti. Si tratta di quelle che pronuncerete durante il ricevimento di nozze, tra un brindisi e l’altro, come discorso di ringraziamento per tutti coloro che avranno risposto positivamente alle partecipazioni di matrimonio e staranno festeggiando il lieto evento insieme a voi. Ma come fare a preparare efficacemente tale discorso? Abbiamo preparato 5 consigli che fanno al caso vostro.

1. Spontaneità fa rima con bullet point

Per creare un discorso coinvolgente, vi suggeriamo di non impararlo a memoria. Gli artefatti, per quanto costruiti alla perfezione, portano sempre con sé una certa aura di inautenticità, per non dire falsità. Allo stesso tempo, però, vi sconsigliamo di improvvisare, perché potreste rischiare di dimenticare di citare il contributo importante di qualche persona, presi dall’enfasi del momento. Come fare quindi? La nostra risposta è bullet point. Si tratta semplicemente di un elenco puntato di cose da dire, concetti, argomenti o persone.

Paolo Berretta

Non dovrete scrivervi le esatte parole da ripetere, bensì appuntarvi tutto quello che non volete assolutamente dimenticare. Tenete a mente l'elenco, oppure lasciatelo sul tavolo sotto il segnaposto di matrimonio fai da te che avete preparato. Dateci una sbirciatina all’occorrenza e vedete che il vostro discorso sarà un successo!

2. Citazioni musicali

Un’idea efficace per accompagnare il vostro discorso di ringraziamento è quello di chiedere aiuto alla musica. Ad esempio, potreste utilizzare le parole di una canzone, da leggere o fare ascoltare a tutti i presenti. Prima di farlo, assicuratevi di disporre di un buon impianto stereo, affinché le vibrazioni, la musica e le frasi romantiche raggiungano tutti i presenti nel modo più coinvolgente possibile. Fatevi aiutare dai membri della band che avete chiamato per l’intrattenimento musicale o dal deejay che si occuperà di far ballare i vostri invitati… ne saranno felici.

Serena Faraldo

3. L’efficacia delle immagini

Alternativamente, potete sempre affidarvi alle immagini, che sanno essere più efficaci di mille parole. Per farlo, chiedete aiuto al vostro fotografo o video maker: con il loro aiuto potreste realizzare una splendida presentazione o un coinvolgente video che includano numerosi scatti del passato. Mostrate ai vostri amici i momenti che avete trascorso in loro compagnia, quando ancora l’idea di indossare un abito nuziale era lontana e le esperienze vissute insieme stavano formando le persone che siete diventate. Fate loro capire quanto sono stati importanti per voi e che lo saranno sempre: la vostra routine magari cambierà, ma i sentimenti di affetto e gratitudine che provate per loro non lo faranno mai!

4. Storytelling di nozze

Se non avete problemi a parlare in pubblico, ma il vostro tallone d’Achille è la sintesi, dovreste utilizzare alcune strategie di organizzazione dei concetti. Sì, lo sappiamo: avete così tante cose da dire e ci sono così tante persone da ringraziare (e per così tanti motivi) che non sapete né da dove cominciare, né come finire. Una tecnica potrebbe essere quella di andare in ordine cronologico, raccontando per esempio una storia.

Michele Gusmeri

Provate per un momento ad allontanarvi dalla vostra visione particolare, per raggiungere un punto di vista esterno e “dall’alto”: con un po’ di sforzo potreste immaginare la vostra vita come una storia, dove voi siete i protagonisti, i vostri amici e famigliari i deuteragonisti e gli aiutanti, mentre le difficoltà che avete affrontato sono gli antagonisti. Siamo certi che tale storytelling di nozze catturerà i vostri invitati dall’inizio al lieto fine!

5. I nemici e gli amici dei discorsi

Una nota ricerca americana rivela che la paura di parlare davanti a un pubblico talvolta è più forte di quella della morte. Nonostante tale risultato possa essere opinabile, è molto probabile che il giudizio degli altri sia qualcosa che ci condiziona più di quanto possiamo pensare. Se anche voi in cuor vostro temete di affrontare un discorso pubblico nel giorno del vostro matrimonio, vi diamo qualche dritta.

Vis Studio Foto & Video

Innanzi tutto vi suggeriamo di affidarvi a degli amici speciali, come un goccio di “coraggio liquido”, che in piccole dosi non fa mai male. Esatto, stiamo parlando del vino o della bevanda alcolica che preferite: assicuratevi di avere il bicchiere pieno prima del discorso di ringraziamento!

Un altro amico dei discorsi è il silenzio. È infatti decisamente frustrante dover alzare la voce per sovrastare la confusione dell’ambiente in cui vi trovate, specialmente se i presenti non si accorgono della vostra volontà di parlare. Per questo motivo vi suggeriamo di richiamare l’attenzione dei vostri ospiti con il classico tintinnio di una posata sul bicchiere, un richiamo semplice ed efficace allo stesso tempo.

Creative Couple Studio

Una volta arrivato il momento di parlare, dovrete alzarvi in piedi e può darsi che vi prenda una certa tremarella alle gambe. Non vi preoccupate, siete in due e potete tenervi la mano per farvi forza a vicenda: nessuno si stupirà di tale gesto, perché non c’è momento migliore di mostrarlo se non al vostro matrimonio!

Per finire, ricordate che le persone presenti al vostro matrimonio saranno probabilmente quelle che sono al vostro fianco da una vita o fanno parte del vostro quotidiano anche se da poco, quindi qualsiasi cosa vorrete dedicargli verrà sicuramente apprezzata. Cercate infine di tenere a mente una sorta di scaletta dei concetti che volete esprimere senza aver paura di essere troppo sintetici. Certe frasi per matrimonio colpiscono al cuore proprio per la loro brevità.

Ti potrebbe interessare

Commenti (6)

M
Marta Il 10/04/2017 alle 10:01

Noi faremo un video da proiettare il giorno delle nozze!così siamo sicuri di non dimenticare nulla!

Rispondi
Tiziana
Tiziana Il 9/08/2014 alle 12:59

Cara Claudia mi rivolgo a te ma anche alle altre ragazze che hanno scritto di avere paura di perdersi in chiacchiere inutili o di non ricordare nulla, vi racconto quello che mi è successo...a casa, quando ho avuto tempo, mi sono preparata due bigliettini: uno era il rinnovo della promessa di matrimonio, molto personale e l'altro era per ringraziare parenti ed amici, pensando di poterlo leggere alla fine della cena, ma dopo aver fatto le letture con il sacerdote e lo scambio delle nuove promesse...Don Rocco ci fa' uno "scherzo da prete" chiedendoci di aggiungere qualcosa, a questo punto, io e mio marito abbiamo avuto qualche secondo di panico visto che avevamo esaurito tutti i discorsi ed inoltre il mio "lui" e' anche un po' timido, ma ecco che all'improvviso, mentre tutti gli invitati aspettavano in silenzio, mi viene in mente quelle due righe per ringraziare chi aveva partecipato alla nostra festa visto che l'avevo letto e riletto più' volte a casa mi è venuto facile ripeterlo in quel momento di imbarazzo. Per cui vi consiglio, per evitare imbarazzi di fare la stessa cosa. A me è servito molto! Auguri a tutte!

Rispondi
Rita
Rita Il 8/08/2014 alle 10:47

Anche io pensavo di scriverlo e leggerlo per paura di non essere chiara e perdermi in chiacchiere inutili

Rispondi
C
Claudia Il 5/08/2014 alle 15:09
Penso di fare la stessa cosa proprio per evitare figuracce,?meglio leggere
Rispondi
Maria
Maria Il 26/07/2014 alle 19:43
Spero proprio di riuscire a trovare le parole e di non impappinarmi
Rispondi
Tiziana
Tiziana Il 23/07/2014 alle 21:57

Anche io ho preparato un biglietto di ringraziamento per amici e parenti e per non dimenticarmi lo leggerò' anche se potrebbe andare contro il galateo!

Rispondi
Commenta

Maggiori info su Il ricevimento

Articoli per argomento

Torna su